Laszlo

TRIENNALE MILANO & MI AMI presentano

ANDREA LASZLO DE SIMONE
CON L’IMMENSITÀ ORCHESTRA
Il Film del Concerto

Se non possiamo avervi con noi, allora saremo noi a venire da voi.

Il primo evento di #miamimimanchi è la nostra maniera di combattere il mostro dei live streaming, trasformandolo in un sogno.

“Il Film del Concerto” di Andrea Laszlo De Simone con l’Immensità Orchestra, specialmente composta da undici elementi, debutta domenica 11 aprile. Una cinematografica e irripetibile opera live che rappresenta simbolicamente la rinascita.

Per la prima volta in Italia un musicista occupa diversi spazi di Triennale Milano in quella che è a tutti gli effetti una vera e propria residenza, da cui verrà tratto “Il Film del Concerto” con la regia di Fabrizio Borelli - già al lavoro con Ettore Scola, Andrei Tarkovskij, Luigi Comencini ed Ermanno Olmi e impegnato a lungo per le reti RAI in ambito televisivo - e la produzione di Borotalco.tv.

Vieni nell'immensità con noi.

“Il Film del Concerto” è una produzione MI AMI con Triennale Milano, in collaborazione con DNA concerti, The Goodness Factory e 42 Records.


TRIENNALE MILANO & MI AMI presentano

ANDREA LASZLO DE SIMONE
CON L’IMMENSITÀ ORCHESTRA

Il Film del Concerto

Debutta in streaming domenica 11 aprile lo speciale film del concerto dell’affascinante artista torinese. Un’opera live che apre la rassegna itinerante #miamimimanchi di MI AMI e offre una anteprima della programmazione estiva di Triennale Milano

La musica dal vivo spenta, i festival rinviati e cancellati, i teatri ed i musei chiusi: di fronte alla cancellazione della cultura, l’immensità diviene l’unico contesto possibile dove poter creare forme musicali inedite e spazi di condivisione possibili.

È con questo spirito che Triennale Milano e MI AMI Festival e hanno unito risorse e spazi per accendere “Il Film del Concerto” del cantautore torinese Andrea Laszlo De Simone, accompagnato da quella che ha ribattezzato come “Immensità Orchestra”, composta  da 11 elementi - sezione ritmica, fiati, archi, chitarre, tastiere e cori.

Per la prima volta in Italia un musicista occupa diversi spazi di Triennale Milano in quella che è a tutti gli effetti una vera e propria residenza, da cui verrà tratto “Il Film del Concerto” con la regia di Fabrizio Borelli - già al lavoro con Ettore Scola, Andrei Tarkovskij, Luigi Comencini ed Ermanno Olmi e impegnato a lungo per le reti RAI in ambito televisivo - e la produzione di Borotalco.tv.

Una cinematografica e irripetibile opera live che rappresenta simbolicamente la rinascita, al debutto in uno speciale evento streaming domenica 11 aprile su Dice.tv.

DAL BUIO ALLA LUCE

Alla proposta di un live in streaming, Laszlo ha risposto immaginando un vero e proprio happening. Un concerto irripetibile nella forma di contenuto prodotto e curato, per creare un percorso dal buio alla luce: "dalla suite “Immensità” - l'ultimo lavoro che ha letteralmente conquistato la critica francese oltre che quella italiana  - al nuovo brano  “Vivo”.

“L’idea di un concerto in diretta streaming non mi ha mai entusiasmato. La mancanza del pubblico in sala, il rischio di problematiche tecniche nella trasmissione della diretta, le modalità e condizioni che spesso a mio avviso non garantiscono agli spettatori la possibilità di godere davvero dello spettacolo”, spiega Andrea Laszlo De Simone. “Questo non è un tentativo di replicare le emozioni di un live, ma un vero e proprio “Film del concerto”. Ci tengo a ringraziare Triennale Milano, MI AMI e tutti i partner e professionisti coinvolti per avermi permesso di dare vita a questo contenuto audiovisivo pensato e realizzato per la fruizione digitale”, conclude.

UN EVENTO DIGITALE PER COLMARE LA MANCANZA 

“Il Film del Concerto” è una produzione MI AMI con Triennale Milano, in collaborazione con DNA concerti, The Goodness Factory e 42 Records.

Per MI AMI - il Festival di riferimento della nuova musica italiana dal 2005 - è il primo concerto in streaming organizzato in assoluto: un modo di sperimentare e innovare con le forme mantenendo viva la mission di supporto e condivisione della musica italiana che è da sempre il cuore pulsante del festival.

L’evento digitale marca anche il debutto della rassegna itinerante #miamimimanchi, che colma il vuoto lasciato dal MI AMI Festival - rinviato a settembre 2021 a causa del perdurare dell'emergenza sanitaria - con una serie di eventi ibridi innovativi, dislocati in diverse location importanti della città.

UN SOGNO CHE DIVENTA FILM

“Raramente usiamo parole come felicità e sogno, che si portano dietro un fardello pesante e una reputazione spesso poco raccomandabile”, scherza Carlo Pastore, direttore di MI AMI. Che poi spiega: “Eppure non trovo migliori parole per descrivere la felicità di aver lavorato ad un’opera così ambiziosa e piena d’amore, che usa suono e immaginario per disegnare un vero e proprio sogno ad occhi aperti. Così proviamo a spostare un po’ più in là questo mostro del concerto in streaming, ribaltandolo”.

Pastore chiude con i ringraziamenti: “In piena zona rossa, con la musica e la cultura spente, quest’opera non sarebbe stata possibile senza lo sforzo collettivo dei soggetti coinvolti: DNA Concerti, The Goodness Factory, 42 Records, che hanno fatto molto più di quanto fosse dovuto; il nostro team, fantastico; il regista Fabrizio Borelli e il DOP Oreste Gallina; l’enorme talento di Andrea Laszlo De Simone, semplicemente un grande artista. Infine il nostro più grande grazie va a Triennale per averci aperto le proprie porte mentre tutto è chiuso, e averci fatto lavorare al sogno con commovente libertà e encomiabile sostegno”, chiude il direttore di MI AMI.

“Il Film del Concerto” riaccenderà gli spazi di Triennale Milano al momento privi delle loro produzioni - come il Teatro - e la meravigliosa Curva - solitamente adibita a spazio espositivo e che ora, quasi ironicamente, trasformerà la musica in un’opera performativa esposta. Una congiunzione rarissima che diventa formula magica. Il buio che diventa luce, un sogno che diventa realtà.

L’ILLUSTRAZIONE ORIGINALE

L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO".

Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti e disponibili per l’acquisto assieme al biglietto virtuale di ingresso al Concerto.

I BIGLIETTI IN VENDITA

“Il Film del Concerto” debutterà in streaming domenica 11 aprile alle ore 21.30 su Dice TV.

I primi mille biglietti “A occhi aperti” saranno in vendita a 12 € + d.p., poi il prezzo salirà a 14 € + d.p.

Disponibili bundle speciali che al biglietto aggiungono la locandina originale in edizione limitata autografata, la maglietta dell’evento e il fanticket.

Tutto su Dice.fm, rivenditore esclusivo di MI AMI.

SPECIAL THANKS TRIENNALE MILANO

I Partner Istituzionali Eni e Lavazza e l’Institutional Media Partner Clear Channel sostengono

Triennale Milano anche per questo progetto.

SPECIAL THANKS MI AMI

Con il sostegno del MiBACT e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”:
Siae per chi crea


Biglietti & Merchandise

#miamimimanchi
#miamifestival

(era il)
28.29.30
maggio 2021

(spostato a)
MI AMI
17.18.19
settembre 2021

“Se tardi a trovarmi, insisti.
Se non ci sono in nessun posto,
cerca in un altro, perché io
sono seduto da qualche parte,
ad aspettare te…
e se non mi trovi più,
in fondo ai tuoi occhi,
allora vuol dire che sono
dentro di te.”

(W. Whitman)

M̶I̶ ̶A̶M̶I̶ MANCHI
Rassegna itinerante che colma il vuoto.

Manuale per restare vivi:
MI AMI FESTIVAL rinviato al 17-18-19 settembre 2021

La sedicesima edizione del MI AMI Festival è rinviata al 17-18-19 settembre 2021. Il persistere delle criticità della situazione epidemiologica, le evidenti difficoltà del piano vaccinale e la totale mancanza di un disegno istituzionale adeguato alle esigenze del settore culturale e musicale ci impongono questa scelta.

Il tentativo - duole ammettere ormai disperato - è quello di provare a fare il festival a settembre: nei modi e nei numeri che ci verrà detto essere adeguati, al fine di tutelare la sicurezza e la salute degli spettatori. Con la speranza che vaccini, bella stagione e una rinnovata apertura alle attività culturali e ricreative ci permetta di operare in maniera sostenibile.

L'auspicio rimane lo stesso degli ultimi dodici mesi: torneremo a cantare, torneremo a ballare, torneremo a vivere. Nel frattempo resistiamo e prendiamoci cura gli uni degli altri. Con umanità e amore. E che settembre ci porti una strana felicità.

Gli abbonamenti già acquistati rimangono validi per le nuove date di MI AMI 2021: 17, 18, 19 settembre.

M̶I̶ ̶A̶M̶I̶ MI MANCHI

Per colmare il vuoto lasciato dal festival, per evolversi e sperimentare, per insomma rimanere vivi, MI AMI lancia la rassegna itinerante cittadina MI MANCHI, che mette al centro la musica live e ne presuppone una diffusione in forma ibrida fra concerti in presenza (se possibili) e live streaming, da aprile a settembre 2021.

Giocando con la cancellazione e l'assenza, M̶I̶ ̶A̶M̶I̶ MI MANCHI vuole colmare il vuoto lasciato dal MI AMI Festival - impossibile da realizzarsi a causa del perdurare dell'emergenza sanitaria - con una serie di eventi creativi e innovativi, dislocati in diverse location importanti della città.

L'assenza del festival diventa così una presenza innovativa, che conferma e sottolinea la mission di supporto e condivisione della musica italiana che è da sempre il cuore pulsante del festival.

Il primo evento #miamimimanchi verrà annunciato a breve.